Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Weekly Wisdom con Ross Tavendale: Advanced Internal Linking

Weekly Wisdom con Ross Tavendale: Advanced Internal Linking

Cercavi un servizio di LinkBuilding o per acquistare backlinks di quilità italiana? Scopri i dettali sui link.

Trascrizione modificata

Benvenuto in un altro Weekly Wisdom. Questa settimana esamineremo una guida fittizia per la creazione di collegamenti interni. Senza ulteriori indugi, iniziamo. Abbiamo utilizzato tutti lo strumento di collegamento interno di SEMrush. Ti dà un sacco di cose davvero interessanti. In particolare, guardando cose come la loro distribuzione di link interni trovo davvero, davvero interessante perché mi mostra dove mi sto collegando in termini di pagine più forti del sito fino a quelle più deboli.

Il sito di Type A Media, tra me e te, non è affatto ottimizzato. In effetti, per un’agenzia SEO, è un po ‘imbarazzante. Quindi, cerchiamo di capire come eseguire alcuni protocolli di collegamento interni per il sito Web di tipo A Media per portarci in una buona posizione. Qualcuno ha fatto un ottimo lavoro nel dirci tutti i link che effettivamente superano il page rank più interno, ma cosa succede se voglio iniziare l’ottimizzazione? Non mi dirà dove collegarmi effettivamente. Pensiamoci qui. Questo è il sito. Sul sito, voglio vedere tutte le pagine che sono più forti quando si tratta del termine agenzia, diciamo.

Quello che mi piace fare qui è che mi piace eseguire un comando del sito. Attacca l’URL del sito Web e quindi inserisci la parola chiave a cui miriamo. Per noi, ci definiamo consulenti SEO, quindi portiamo in primo piano tutte le pagine, eccoci qui, chiamate pagine di consulenti SEO.

Il motivo per cui questo è importante è che ho appena detto a Google “Ehi, puoi mostrarmi tutto su questo sito web che è il più potente e il più pertinente relativo ai consulenti di parole chiave?” Tecnicamente, se vado su tutte queste pagine, dovrei collegarmi internamente da questa pagina qui alla pagina che voglio classificare per i consulenti SEO. Se in queste pagine non è presente un collegamento interno che rimandi alla pagina del mio consulente fondamentale, probabilmente dovrei aggiungerne uno.

Ci sono un paio di modi per farlo. Puoi, ovviamente, fare clic su di essi, dare un’occhiata e vedere se ci sono collegamenti alla pagina del consulente? Oh dio, no, non credo che ci sia. Torna indietro e magari prendi nota da qualche parte. È tutto molto lento. Qui ci sono parole chiave ovunque; guarda quello.

Maggiori informazioni su questo Come migliorare il ranking delle parole chiave con il collegamento interno Post Blake Smart Gli errori di link building interni più comuni: un post di studio SEMrush Elena Terenteva Quello che vogliamo fare è lavorare su queste pagine in modo programmatico se si collegano già internamente alla pagina che ci interessa di. Come lo facciamo a livello di programmazione? Introdurrò qualcosa che i ragazzi della vecchia scuola sapranno, qualcosa chiamato scrape box. Niente panico. So che state tutti pensando che sia uno strumento per gatti neri. Stai lontano. Stai lontano. È uno strumento per gatti neri se lo usi per spingere fuori, ma se lo stai usando per estrarre informazioni, tutto ciò che è è un raschietto web.

Quello che voglio fare è ottenere un ampio elenco di tutte le parole chiave per le quali voglio classificarmi e voglio eseguire un comando del sito su di esse in modo da poter vedere i primi 10, a volte i primi 20 risultati e vedere se hanno collegamenti interni che puntano alle pagine corrette.

Prima di tutto, inserirò le mie domande qui e qui. Quindi questo è un tipo di blocco per un motivo. Avrai bisogno dei proxy per farlo perché stiamo eseguendo il ping di Google un bel po ‘. Inizieremo la raccolta. Lo ritarderò di cinque secondi perché non voglio colpirli troppo forte. Sto per iniziare. Va bene, quello che ora possiamo vedere qui è che per questa parola chiave, il comando del sito typeamedia.net consultant, abbiamo ottenuto nove risultati e per la parola chiave agenzia ne abbiamo estratti 10. Ottimo. Ora, in realtà voglio vedere cosa sono.

La cosa grandiosa della scrape box è che in realtà la salva per te durante le sessioni di raccolta. Quello che fa è inserire la parola chiave accanto all’URL.

Ecco il risultato di quel raschiare che abbiamo appena fatto lì. Ora quello che vogliamo fare è tornare a Google Drive e lo inseriremo in un formato utilizzabile. Incolliamolo lì dentro. Va bene, ma voglio inserirli nelle colonne. Voglio vedere le mie parole chiave e la pagina perché allora voglio raschiare queste pagine per vedere se si collega internamente alla mia pagina fondamentale. Innanzitutto quello che vogliamo fare è ottenere i dati in colonne di testo diviso. Questo lo divide qui. Lascia che me ne sbarazzi. Ora, abbiamo la parola chiave proprio accanto all’URL:

Dati, testo diviso in colonne. Non lo rileva automaticamente, quindi voglio inserire il segno della pipa lì. Eccellente. Ora abbiamo le parole chiave qui e gli URL che Google ritiene siano i più importanti e pertinenti alla parola chiave per questo sito web. Grande. Diamo solo un nome a questa parola chiave. Questo sarà l’URL. Ora, dobbiamo decidere sulla pagina di destinazione.

Le persone chiamano tipicamente queste pagine fondamentali, quindi per il termine consulente, quale voglio che sia la pagina di destinazione principale? Quale pagina voglio classificare per il termine consulente?

Il piccolo sporco segreto di Type A Media è che il nostro sito è in realtà spazzatura. Ma usiamo solo alcuni dei nostri casi di studio come esempio. Usiamo quello UNILAD; questa non è una cosa reale che vogliamo classificare, ma facciamo finta, per il bene di questo tutorial, di voler classificare questa pagina per il termine consulente, quindi vogliamo creare un gruppo di link interni al suo interno.

Per l’altro, facciamo un esempio di e-commerce. Vediamo, per i ragazzi Pooky, lo inseriamo qui. Va bene, quindi questa è la parola chiave che vogliamo classificare; questa è la pagina che vogliamo classificare. Dobbiamo controllare se questi si collegano alla nostra pagina principale.

Potresti chiederti che ci vorrà un po ‘di tempo se non lo farò a livello di programmazione. È qui che otteniamo l’unico e solo Screaming Frog. Quello che vuoi fare è passare alla modalità, assicurati che sia la modalità elenco. Entra nella configurazione e andremo in custom perché vogliamo cercare le nostre landing page. Eccone uno che ho fatto prima. Quello che vuoi fare è inserire i tuoi due URL a cui stai cercando di creare collegamenti interni; colpisci ok. E poi, incolliamo tutte quelle cose che abbiamo ottenuto da Google. Quello che viene fatto lì è solo scansionato tutti questi URL qui.

Se facciamo clic su personalizzato, finora è stata trovata una ricerca personalizzata per il caso di studio UNILAD SU. Possiamo vedere qui che c’è un’istanza in cui si collega a questa pagina. Possiamo espandere la pagina dei casi di studio collegandoci a questa pagina qui. Nella seconda, di nuovo la stessa cosa. Possiamo anche mettere in massa questo URL. Quello che voglio fare è esportarlo. Immagina di averne centinaia e centinaia se stai facendo più parole chiave ed è per un sito di e-commerce o qualcosa del genere.

Purtroppo, per questo tutorial dobbiamo utilizzare il sito Media di tipo A perché è ovviamente l’unico dato che possiamo rendere pubblici. Va bene, torniamo al nostro foglio. Vedrai che ho una scheda chiamata Screaming Frog data e tutto ciò che sto facendo è scaricarla direttamente lì, e mi sta mostrando che questa è la pagina dei casi di studio. Quello che vogliamo fare è trovare il collegamento per vedere se qualcosa si collega alla nostra pagina di destinazione. Abbiamo i nostri dati di Streaming Frog qui; questa è la pagina che contiene un collegamento interno di uno di questi ragazzi, quindi tutto quello che voglio fare è trovare l’URL migliore all’interno di questo elenco.

Ovviamente, posso semplicemente osservarlo e vedere che è lì, ma presumo che tu abbia fatto questo su un paio di centinaia di URL, non solo due. Come lo troviamo? Veramente semplicemente, otteniamo una piccola corrispondenza dell’indice. Ecco l’indice che stiamo cercando. Cosa vogliamo abbinare? Voglio abbinare questo URL e voglio abbinarlo a qualcosa in questa colonna. Voglio la corrispondenza esatta. Se lo trovi, voglio che tu restituisca la prima colonna. Se non trovi nulla, voglio che tu mi dica che ha bisogno di un collegamento.

Possiamo vedere che il lavoro di consulente PPC non contiene un collegamento a quest’anno, quindi è fantastico. Se lo tiriamo giù, tutto dovrebbe avere bisogno di un collegamento, a parte questo qui. Ora quello che posso fare è darlo a uno del mio team, oppure posso accedere da solo e non essere super pigro e andare su tutte queste pagine perché so che non si collegano a questo, ma quando faccio un sito comando con la parola chiave, Google mi dice che dovrei davvero collegarmi ad esso. Questa è la guida del manichino alla creazione di link interni. Fatto.

Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di Social.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *