Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Wordpress » Guide Wordpress » 4 Regole “da conoscere” sul logo e sul marchio di WordPress (spiegate)

4 Regole “da conoscere” sul logo e sul marchio di WordPress (spiegate)

    Come utente di WordPress e blogger che scrive sulla piattaforma, ci sono alcune regole sul logo e sul marchio di WordPress che devi tenere a mente.

    WordPress è un software open source, ma è ancora protetto dalle leggi sul copyright e sui marchi. Molti principianti non li conoscono e potrebbero accidentalmente violare le linee guida.

    In questo articolo, spiegheremo le regole che devi seguire quando usi il logo e il marchio di WordPress. Discuteremo anche perché è importante e quali diritti ti vengono concessi in base alla licenza di WordPress.

    Come utilizzare il logo e il marchio di WordPress

    Capire GPL – La licenza di WordPress

    Cominciamo prima con le basi.

    Esistono due tipi di siti Web WordPress. In primo luogo, c’è WordPress.com che è una soluzione in hosting, e poi c’è il popolare WordPress.org chiamato anche WordPress self-hosted.

    Quando la maggior parte delle persone dice WordPress, sta parlando di WordPress.org. Per saperne di più consulta la nostra guida sulla differenza tra WordPress.com e WordPress.org.

    WordPress è rilasciato sotto la licenza GPL open source. Questo rende WordPress un software gratuito. Tuttavia, gratis qui è usato come in libertà non come nel caffè gratis.

    Questa licenza offre a chiunque la libertà di scaricare, copiare, utilizzare, studiare e modificare il codice WordPress.

    Libertà e diritti di WordPress

    Sebbene il software stesso sia gratuito, sarà necessario acquistare un nome di dominio e un account di hosting web per installare WordPress e creare un sito web.

    Per saperne di più, consulta il nostro articolo che spiega perché WordPress è gratuito e quali sono i costi.

    C’è un malinteso tra i principianti sul software libero e sul copyright. Sebbene tu sia libero di utilizzare il codice del software nel modo che preferisci, il software stesso è protetto dalle leggi sul copyright e sui marchi.

    Cosa significa?

    Fondamentalmente, puoi copiare il codice WordPress per creare nuovo software, ma non puoi chiamare il tuo software WordPress.

    Il nome WordPress è un marchio registrato di proprietà della fondazione WordPress. È un’organizzazione senza scopo di lucro che garantisce che WordPress funzioni correttamente come progetto open source gratuito.

    Perché è necessario comprendere le regole del logo e dei marchi di WordPress?

    WordPress alimenta quasi il 33% di tutti i siti Web su Internet. È un numero davvero enorme.

    Milioni di aziende si affidano a WordPress per gestire in modo efficace il proprio sito Web, comunità online e blog.

    Per assicurarsi che tutto funzioni senza intoppi, il marchio e il marchio di WordPress dovevano essere protetti. A tal fine, il marchio WordPress è stato trasferito a La Fondazione WordPress nel 2010.

    Il problema è che WordPress Foundation non è l’unico che funziona su WordPress. È un progetto open source in cui migliaia di persone contribuiscono al suo successo.

    Oltre a questi contributori, ci sono molte aziende, individui e liberi professionisti che vendono prodotti e servizi correlati a WordPress in tutto il mondo.

    Se gestisci un sito Web WordPress, un’agenzia di web design o fornisci servizi correlati a WordPress, devi comprendere queste regole per conformarti alle politiche sui marchi.

    Detto questo, diamo un’occhiata alle regole e alle linee guida che devi seguire per utilizzare correttamente il marchio e il logo di WordPress nei tuoi progetti.

    Regola 1. Scrivi sempre WordPress con la P maiuscola

    Il modo corretto di scrivere WordPress è con la P maiuscola. Queste lettere maiuscole sono prese molto sul serio dalla comunità di WordPress.

    Se hai intenzione di menzionare WordPress ovunque, assicurati di utilizzare l’ortografia corretta. L’uso di un’ortografia errata è disapprovato e considerato poco professionale.

    Il team di WordPress lo prende così sul serio che nel 2010 ha aggiunto un filtro integrato chiamato capital_P_dangit () nella versione 3.0 di WordPress.

    Questa funzione corregge automaticamente le istanze di WordPress con errori di ortografia nel titolo, nel contenuto e negli estratti.

    function capital_P_dangit ($ text) ‘wp_title’ === $ current_filter) return str_replace (‘WordPress’, ‘WordPress’, $ text); // Ancora qui? Usa la sostituzione più giudiziosa statica $ dblq = false; if (false === $ dblq) $ dblq = _x (‘“’, ‘apice virgolette doppie’); return str_replace (array (‘WordPress’, ” WordPress ‘, $ dblq.’ WordPress ‘,’> WordPress ‘,’ (WordPress ‘), array (‘ WordPress ‘,’ ‘WordPress’, $ dblq. ‘WordPress’ , “> WordPress”, “(WordPress”), $ text);

    Regola 2. Non utilizzare WordPress nel tuo nome di dominio

    Come accennato in precedenza, il nome WordPress è un marchio registrato di proprietà della fondazione WordPress. Ciò protegge il marchio WordPress e garantisce il suo continuo successo.

    Proprio come qualsiasi altro marchio registrato, la WordPress Foundation si riserva i diritti di utilizzo esclusivi per il termine WordPress. Ciò significa che non puoi utilizzare WordPress come parte del tuo marchio o sito web.

    Questa restrizione include anche nomi di dominio. Per esempio:

    WordPressBeginner.com Sbagliato! WPBeginner.com OK!

    Puoi utilizzare WordPress in un sottodominio come (wordpress.example.com), la WordPress Foundation si occupa principalmente dei domini di primo livello.

    Se vedi qualcuno che utilizza WordPress nel proprio nome di dominio o marchio, contatta la WordPress Foundation e informalo della violazione.

    Guarda anche: Come registrare un nome di dominio gratuito per il tuo sito Web WordPress.

    Regola 3. Il logo di WordPress

    Il logo di WordPress è costituito dalla lettera W in un cerchio grigio o talvolta bianco con un anello grigio intorno.

    L’altezza della lettera W è alta e graziosa. Molti blogger e proprietari di siti web a volte usano erroneamente il falso logo che di solito ha una più corta W dentro.

    Faux di WordPress vs logo reale

    Assicurati di utilizzare il logo WordPress corretto nei tuoi progetti. Il logo WordPress è disponibile anche come segno di testo, segno di testo con logo W e logo W.

    Esempi di logo WordPress

    Puoi scaricare tutti questi loghi dall’ufficio Pagina dei loghi di WordPress.

    Sentiti libero di usare queste immagini nei tuoi progetti. Tuttavia, assicurati di utilizzarli in conformità con Politica sui marchi di WordPress.

    Regola 4. Nessuna affiliazione o approvazione

    La fondazione WordPress vuole che tu utilizzi il logo e il marchio WordPress per promuovere il progetto WordPress stesso.

    Tuttavia, non è consentito utilizzarlo in un modo che suggerisce l’approvazione o l’affiliazione al progetto. Ecco alcuni esempi:

    • Non puoi utilizzare il logo di WordPress negli annunci del tuo prodotto.
    • Non puoi utilizzare WordPress o il suo logo come parte del tuo logo.
    • Puoi inserire “Powered by WordPress.org” sul tuo sito web, ma non puoi dire “Consigliato da WordPress”.

    In parole più semplici, qualsiasi tentativo di trarre vantaggio ingiustamente dal marchio WordPress costituisce una violazione della politica sui marchi.

    Cosa succede quando qualcuno non segue queste regole?

    La fondazione WordPress prende molto sul serio queste violazioni. Potresti ricevere un’e-mail da loro per conformarti alle loro linee guida sui marchi.

    Il mancato rispetto può portare a ulteriori azioni. Queste azioni possono includere diverse procedure legali.

    Ad esempio, se stai utilizzando WordPress nel tuo nome di dominio, la fondazione può rivendicare quel nome di dominio. I loro avvocati possono anche inviarti una notifica legale.

    Il procedimento legale ti costerebbe un sacco di soldi e perderai il supporto della stessa comunità di WordPress.

    La comunità di WordPress si affida alle fondamenta di WordPress per intraprendere queste azioni. Apporta benefici a tutti nell’ecosistema e aiuta innumerevoli aziende collegate a WordPress a crescere e avere successo.

    Ci auguriamo che questo articolo ti abbia aiutato a capire le regole che devi seguire per rispettare il logo di WordPress e le politiche sui marchi. Potresti anche consultare la nostra guida sui migliori plugin di WordPress e sui migliori servizi di email marketing per le piccole imprese.

    Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al nostro Canale Youtube per i tutorial video di WordPress. Puoi trovarci anche su Twitter e Facebook.

    Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di WP guide.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *