Diego Fernando Torres » Blog di Monetizzazione » Wordpress » Guide Wordpress » Come aggiungere categorie e sottocategorie a WordPress

Come aggiungere categorie e sottocategorie a WordPress

    WordPress offre la possibilità di ordinare i tuoi contenuti in categorie, tag e tassonomie. Una delle principali differenze tra categorie e tag è che le categorie possono avere sottocategorie o categorie secondarie. In questo articolo, ti mostreremo come aggiungere categorie e sottocategorie in WordPress e come ottenere il massimo vantaggio SEO dalle categorie.

    Comprensione delle categorie padre, figlio e fratello in WordPress

    Le categorie sono uno strumento potente e possono essere utilizzate non solo per ordinare i tuoi contenuti, ma anche per sviluppare una struttura del sito adeguata che sia significativa e semantica.

    Prima di andare avanti, ti consigliamo di leggere la nostra guida su categorie e tag. Ti aiuterà a capire in che modo le categorie sono diverse dai tag, perché non dovrebbero essere confuse o confuse e, infine, come utilizzare correttamente le categorie. Dopo averlo letto, torna qui e continueremo.

    Supponiamo che tu stia creando un sito web di viaggi per diverse destinazioni in tutto il mondo. Potresti desiderare che gli utenti siano in grado di trovare articoli anche per città e per paese.

    Ad esempio, puoi aggiungere gli Stati Uniti e poi pubblicare articoli per New York, Los Angeles, Chicago, ecc. Qui è dove puoi utilizzare le categorie figlio. Gli Stati Uniti diventerebbero una categoria principale e le città potrebbero diventare categorie secondarie.

    Categorie figlio e genitore in WordPress

    È importante notare che un post archiviato in una categoria figlio non deve essere archiviato nella categoria padre. Ad esempio, se assegni un post New York City come categoria che è una categoria figlio degli Stati Uniti, sei libero di scegliere se vuoi che il post venga archiviato in entrambi o solo nella categoria figlio.

    Se scegli di archiviare un post nella categoria figlio ma non nella categoria genitore, il tuo post verrà visualizzato solo nelle pagine di archivio della categoria figlio. Ciò è particolarmente utile quando si desidera evitare contenuti duplicati.

    Supponiamo che tu abbia creato una categoria padre negli Stati Uniti e che abbia solo una categoria figlio, New York City. Ora, se archivi un post in entrambe le categorie padre e figlio, le pagine di archivio di entrambe le categorie saranno completamente identiche.

    Detto questo, diamo un’occhiata a come aggiungere categorie e categorie figlio in WordPress.

    Aggiunta di una categoria in WordPress

    Puoi aggiungere una nuova categoria in WordPress quando scrivi un post. Nella schermata di modifica del post, scorri verso il basso fino alla meta box delle categorie e fai clic sul collegamento Aggiungi nuova categoria.

    Aggiunta di una nuova categoria durante la scrittura di un post

    Puoi anche aggiungere una nuova categoria senza modificare un post. Basta visitare Messaggi »Categorie pagina e aggiungi la tua nuova categoria. Questo metodo è particolarmente utile se desideri creare tutte le tue categorie prima di aggiungere contenuti.

    Aggiunta diretta di una nuova categoria senza modificare un post

    Aggiunta di una categoria figlio in WordPress

    Puoi modificare le categorie figlio nello stesso modo in cui hai aggiunto le categorie genitore. Nella schermata di modifica del post, scorri verso il basso fino alla sezione delle categorie e fai clic sul collegamento Aggiungi nuova categoria. Questo ti mostrerà un campo di testo per aggiungere un nuovo nome di categoria e un menu a discesa per selezionare la categoria principale.

    Aggiunta di una categoria figlio dalla schermata di modifica del post

    Allo stesso modo, puoi anche visitare Pagine »Categorie pagina. Aggiungi il nome per la categoria del tuo bambino e quindi seleziona la categoria genitore dal menu a discesa Genitore.

    Aggiunta di una categoria figlio dalla pagina delle categorie

    Vantaggi SEO della struttura del sito basata su categorie

    Se stai utilizzando URL SEO Friendly, l’URL della tua categoria figlio sarà simile a questo.

    http://example.com/category/united-states/new-york-city/

    Questo è molto più significativo e aiuta i motori di ricerca e gli utenti a capire di cosa tratta la tua pagina. Hai anche la possibilità di aggiungere parole chiave al tuo URL, le parole chiave aiutano le persone a trovare contenuti sui motori di ricerca.

    Puoi eliminare il prefisso “categoria” dagli URL delle categorie installando Categorie di primo livello FV collegare. Basta installare il plug-in e rimuoverà la base delle categorie dagli URL delle pagine dell’archivio delle categorie. Otterrai la tua pagina di archivio di categoria in questo modo:

    http://example.com/united-states/new-york-city/

    Visualizza categorie e categorie figlio nella barra laterale di WordPress

    Il tuo tema WordPress mostrerà automaticamente le categorie per ogni post. Per visualizzare tutte le tue categorie sulla barra laterale del tuo blog, devi visitare Aspetto »Widget pagina. Trascina e rilascia il widget delle categorie dall’elenco dei widget disponibili su una barra laterale.

    Visualizzazione delle categorie figlio e genitore nella barra laterale di WordPress

    Nelle impostazioni del widget delle categorie, seleziona la casella accanto all’opzione “Mostra gerarchia” e fai clic sul pulsante Salva. Visita il tuo sito e WordPress mostrerà le tue categorie con categorie secondarie allineate sotto la categoria principale.

    Categorie e categorie figlio nella barra laterale di WordPress

    Speriamo che questo articolo ti abbia aiutato a imparare come aggiungere categorie e categorie figlio in WordPress. Potresti anche dare un’occhiata a questi hack e plugin di categoria più ricercati per WordPress.

    Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al nostro Canale Youtube per i tutorial video di WordPress. Puoi trovarci anche su Twitter e Facebook.

    Sono contento che sei arrivato fin qui, puoi tornare alla sezione di guide WP.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *